TEATROPERTUTTI.IT
/
/
Taormina Film Fest: un viaggio fra cinema e cultura

Taormina Film Fest: un viaggio fra cinema e cultura

Indice dell'articolo

Nel pittoresco scenario della città di Taormina, in Sicilia, tutte le estati prende vita uno dei festival cinematografici più affascinanti e celebrati al mondo: il Taormina Film Fest. Questo evento eclettico, che abbraccia l’arte cinematografica e la cultura in tutte le loro sfaccettature, ha una storia ricca di emozioni, momenti iconici e incontri indimenticabili che lo rendono un appuntamento imperdibile per gli amanti del cinema e della bellezza mediterranea.

Le origini del Taormina Film Fest

La nascita del Taormina Film Fest (che è la denominazione ufficiale del festival a partire dal 2002) è strettamente legata al desiderio di alcuni facoltosi amici di valorizzare il territorio siciliano tramite una iniziativa commerciale e artistica rivolta soprattutto al mondo della cinematografia. Questa rassegna doveva mostrarsi come un anti-festival della Mostra del Cinema di Venezia, configurandosi soprattutto come presentazione in anteprima dei film della stagione cinematografica successiva.

Una volta riusciti a ottenere la collaborazione dell’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS) l’idea del festival si concretizzò durante una riunione al Teatro Savoia di Messina il 14 aprile 1955. Tre mesi dopo, il 29 luglio, si tenne una conferenza stampa in cui si annunciò la nascita della prima rassegna della nuova produzione cinematografica 1955-56, che si tenne dal 1 al 9 agosto del 1955.

L’obiettivo era creare un ponte tra le diverse culture cinematografiche, unendo il cinema internazionale al ricco patrimonio storico e artistico della terra siciliana. La rassegna doveva essere un’occasione in cui presentare al pubblico opere cinematografiche non inserite in alcuna classifica o graduatoria. Si scelse, perciò, nella prima edizione, di assegnare dei certificati di partecipazione a tutte le case di produzione cinematografica che parteciparono alla rassegna.

La prima edizione del festival si tenne solo nella città di Messina e vennero presentati in anteprima sette film: quattro prodotti negli Stati Uniti e tre di produzione italiana. I film statunitensi erano perlopiù di genere avventuroso, mentre i tre film italiani rappresentavano simbolicamente i tre filoni principali dell’allora produzione cinematografica italiana: la commedia, il melodramma e il film-opera.

L’edizione del 1957

Nell’edizione del 1957 finalmente la città di Taormina diventa coprotagonista e parte del festival verrà organizzato proprio nella splendida cornice del teatro antico. Questa terza edizione infatti fu battezzata Rassegna cinematografica di Messina e Taormina. Sempre durante questa terza edizione vennero istituiti i Cariddi d’argento, cioè il premio ispirato al gruppo scultoreo di Montorsoli.

La terza edizione del futuro Taormina Film Fest è molto importante anche per la decisione di ospitare la Cerimonia di premiazione dei David di Donatello, che diede lustro e prestigio all rassegna stessa e che venne rinnovata fino al 1977. A partire dal 1957, quindi, la rassegna attirò su di sé l’attenzione dei media italiani e internazionali e il suo red carpet iniziò ad essere solcato dai grandi divi del cinema italiano e straniero, invitati alla cerimonia di premiazione.

La suggestiva cornice del teatro antico di Taormina, dove avvengono le proiezioni delle anteprime mondiali durante il Taormina Film Fest
La suggestiva cornice del teatro antico di Taormina, dove avvengono le proiezioni delle anteprime mondiali durante il Taormina Film Fest

Il Taormina Film Fest negli anni sessanta

Nel corso degli anni sessanta il futuro Taormina Film Fest iniziò a colmare il divario con la prestigiosa Mostra del Cinema di Venezia, configurandosi sempre di più non solo come un evento cinematografico d’eccezione, ma anche come un evento glamour, pieno di celebrità!

Inoltre, a partire dall’edizione del 1964, il festival fu organizzato in otto giornate, così distribuite: le prime quattro organizzate a Messina, mentre le ultime quattro, tra le quali la diretta televisiva, avevano come cornice la splendida Taormina.

Infine, sulla scia delle proteste e contestazioni avvenute anche in Italia sul finire degli anni sessanta, il festival decise di rinnovarsi e di venire incontro ai nuovi gusti e alle nuove esigenze artistiche. A partire dal 1969 il Festival prese il nome di Rassegna per la cooperazione cinematografica internazionale e si pose come obiettivo primario quello di promuovere un cinema di spessore culturale e rilevanza sociale.

1970, l’anno della svolta

Fino a questo momento, il futuro Taormina Film Fest si configurò come una rassegna in cui non c’era competizione tra i film partecipanti. Il festival era infatti un’importante occasione per le produzioni cinematografiche di presentare in anteprima i loro ultimi lavori.

Una linea che però a partire dal 1970 non venne più rispettata. In questo anno, infatti venne istituito il Festival delle nazioni e fu assegnato il primo premio della storia del Taormina Film Fest: il Gran premio delle nazioni venne infatti dato a Sydney Pollack per il suo film They shoot horses, don’t they?

Il 1970 è anche l’anno in cui il futuro Taormina Film Fest ebbe come unica sede Taormina il suo affascinante teatro antico, diventando con gli anni a venire il festival che oggi conosciamo.

Il Taormina Film Fest oggi

Attraverso gli anni, il Taormina Film Fest è diventato una vetrina di film, cortometraggi e documentari di alta qualità. La rassegna non ha mai abbandonato la sua natura originaria, perciò ancora oggi è un’importante occasione per le produzioni cinematografiche di presentare in anteprima mondiale i loro ultimi lavori, proiettando le pellicole nel suggestivo teatro antico.

Ma è anche un concorso dove è possibile premiare i film più interessanti e un’occasione, per gli amanti del cinema di assistere ad una serie di lezioni tenute dai cineasti più noti e famosi, i cosiddetti Campus.

Per avere ulteirori informazioni sul Taormina film Fest e sull’edizione di quest’anno, ti consiglio di dare un’occhiata al suo ricco programma, attraverso il sito web del festival!

altri articoli interessanti
Chi ha letto questa pagina, ha apprezzato molto i seguenti articoli
Scopriamo insieme la grandezza e la genialità di un artista poliedrico e importantissimo del panorama culturale italiano: Carmelo Bene.
Alcuni consigli su come promuovere le tue attività teatrali e perché dovresti avere un'infarinatura di tecniche base di Marketing culturale.
La parola è uno degli strumenti principali di un attore. Per emettere correttamente i suoni, in modo che tutto il pubblico capisca cosa stai dicendo, è fondamentale avere muscoli e
Una locandina fatta bene è importantissima per promuovere un evento. Ecco 5 consigli utili per realizzare locandine migliori per i tuoi spettacoli.
Cerca
Cerca tra tutti gli articoli di Teatro per Tutti, compilando il campo qui sotto.
ARTICOLI A SORPRESA
Ti proponiamo due articoli scelti casualmente dal nostro vasto archivio, per scoprire argomenti che non sapevi di voler conoscere!