TEATROPERTUTTI.IT
/
/
Torino Film Festival, la storia e l’evoluzione

Torino Film Festival, la storia e l’evoluzione

Indice dell'articolo

Il Torino Film Festival, nato come rassegna locale, nel giro di pochi anni è diventato una delle manifestazioni cinematografiche internazionali più importanti di sempre! Una tale trasformazione è stata possibile grazie ad un percorso costellato di successi e di personalità straordinarie che hanno plasmato la sua evoluzione. In questo articolo parleremo della nascita del Torino Film Festival e della sua storia.

La nascita del Torino Film Festival

Le origini del Torino Film Fest hanno, in qualche modo, a che fare con il Giffoni Film Festival. L’assessore alla gioventù di Torino, Fiorenzo Alfieri, in occasione del sisma del 1980, dette il suo aiuto e contributo al Giffoni Film Festival. Rimasto colpito dall’ammirevole iniziativa culturale della piccola città campana, propose nel 1981 al critico cinematografico Gianni Rondolino e al regista Ansano Giannarelli di fondare una manifestazione cinematografica nella città di Torino, rivolta espressamente ai giovani.

Rondolino e Giannarelli non persero tempo e subito prepararono un progetto che venne prontamente accolto dall’assessore. E così, nel giro di un anno nacque, nel settembre del 1982, il Festival internazionale Cinema giovani (così si chiamava alla sua fondazione il Torino Film Festival). La neonata manifestazione cinematografica si poneva due obiettivi: un’analisi dell’universo giovanile tramite il cinema e gli audiovisivi e la ricerca di un nuovo cinema internazionale. La città, già famosa per la sua cultura e storia uniche, abbracciò questa nuova manifestazione con entusiasmo.

Logo del Torino Film Festival, Torino Film Fest
Logo del Torino Film Festival

L’evoluzione del festival e il cambio del nome

Nel corso della sua storia il festival del cinema di Torino porta avanti una continua evoluzione, che lo ha fatto diventare la rassegna cinematografica di fama internazionale che è oggi.

Le prime tre edizioni ebbero un grande successo e portarono gli organizzatori e fondatori del festival a modificare e migliorare la loro rassegna, in modo da riuscire a collocarsi a pieno titolo nel panorama dei più importanti festival cinematografici internazionali.

Un primo passo verso questa direzione venne fatto nel 1986, in occasione della quarta edizione del festival. Si introdusse infatti la formula competitiva. le sezioni Opere prime e Film su tematiche giovanili vennero unificare in un’unica sezione chiamata “Concorsi lungometraggi”. Accanto a questo concorso vennero introdotti nuovi premi all’interno della sezione “Spazio aperto”. Qualche anno più tardi, durante l’edizione del 1987, venne creato un nuovo concorso internazionale di cortometraggi.

Nell’edizione 1990 venne definitivamente chiusa la sezione “Spazio aperto” per dare alla luce altre due sezioni: un concorso per corti e medio-metraggi italiani, chiamato “Spazio Italia” e una nuova sezione locale, denominata “Spazio Torino”, che manteneva il carattere amatoriale della sezione “Spazio aperto”. Qui potevano essere proiettati le produzioni video piemontesi.

Proprio nel corso degli anni novanta del novecento il festival torinese rafforzerà ulteriormente il proprio carattere internazionale. Si tratta di un processo lungo, ma frutto di un costante impegno degli organizzatori. Durante l’edizione del 1997, la rassegna torinese assumerà il nome di Torino Film Festival, una denominazione che sancisce in modo inequivocabile il passaggio da una rassegnazione locale ad una manifestazione cinematografica di carattere internazionale.

Il Torino Film Festival oggi

Oggi il Torino Film Festival occupa un posto di rilievo nel panorama cinematografico nazionale ed internazionale. Pur non abbandonado la propria originaria identità, nel corso degli anni il festival ha dato sempre più importanza alle retrospettive. Di grande successo sono state le retrospettive dedicate alla Nouvelle Vague e al Nuovo Cinema Tedesco. Ma le retrospettive del Torino Film Festival non si concentrano solo su determinate correnti cinematografiche, ma anche su alcuni dei più grandi nomi della cinematografia nazionale e internazionale, come ad esempio John Carpenter, George Romero, Manoel De Oliveira, Paolo Gobetti, Aleksandr Sokurov, William Friedkin, Roman Polanski, Wim Wenders, Philippe Garrel, Paulo Rocha e Mohsen Makhmalbaf.

Alla direzione del festival, fin dagli anni novanta, si susseguono nomi di risonanza nazionale, come grandi registi del calibro di Nanni Moretti, Gianni Amelio e Paolo Virzì. Inoltre, il Torino Film Festival, tramite la sua esplorazione e scoperta dei nuovi talenti, ha ospitato le opere prime di registi ora diventati celebri come Paolo Sorrentino, Matteo Garrone, Pablo Larrain, Jafar Panahi e tanti altri!

Il Torino Film Festival continua a essere un faro luminoso per tutti gli amanti del cinema. Con il passare del tempo, ha dimostrato di sapersi adattare ai cambiamenti dell’industria cinematografica, abbracciando nuove tecnologie, stili e voci. La sua importanza come spazio di incontro e scoperta nel mondo del cinema non fa che aumentare, consolidando il suo ruolo nell’elevare l’arte cinematografica.

In conclusione, il Festival del Cinema di Torino è molto più di una semplice manifestazione: è un viaggio attraverso le storie che il cinema racconta e ispira, un luogo di connessione tra passato, presente e futuro del settore.

Se vuoi avere informazioni più dettagliate e recenti circa il Torino Film Festival ti consiglio di consultare il sito web della rassegna e rimanere aggiornato!

altri articoli interessanti
Chi ha letto questa pagina, ha apprezzato molto i seguenti articoli
La dizione non è solo per gli attori. Ecco due esercizi di dizione che possono aiutarti a correggere la zeppola e la erre moscia.
Con "Tutto sommato" Gigi Proietti racconta la sua vita e il suo lavoro attraverso aneddoti e racconti che ti faranno ridere e commuovere.
La parola è uno degli strumenti principali di un attore. Per emettere correttamente i suoni, in modo che tutto il pubblico capisca cosa stai dicendo, è fondamentale avere muscoli e
Una locandina fatta bene è importantissima per promuovere un evento. Ecco 5 consigli utili per realizzare locandine migliori per i tuoi spettacoli.
Cerca
Cerca tra tutti gli articoli di Teatro per Tutti, compilando il campo qui sotto.
ARTICOLI A SORPRESA
Ti proponiamo due articoli scelti casualmente dal nostro vasto archivio, per scoprire argomenti che non sapevi di voler conoscere!