ENTRA NELLA COMMUNITY DI TEATRO PER TUTTI!

ENTRA NELLA COMMUNITY DI TEATRO PER TUTTI!

/
/
Cos’è il Musical

Cos’è il Musical

Indice dell'articolo

Il Musical è la forma di spettacolo più completa che esista, in cui prosa e canto si intrecciano insieme per dar vita a spettacoli indimenticabili!

Fin dai suoi albori, infatti, il Musical ammalia grandi e piccini, riuscendo a imporsi anche nel cinema.

Nel corso degli anni, questo intramontabile genere di spettacolo ha subito un’evoluzione significativa, rimanendo sempre al passo coi tempi. E sfornando successi dal forte impatto culturale.

Ma cos’è il Musical?

Il Musical è un genere di spettacolo dove recitazione, musica e danza si integrano tra loro in modo totalmente armonioso. È generalmente composto da due atti per una durata complessiva di circa due ore e mezzo di spettacolo.

Sia la recitazione, che i canti e i balli portano avanti l’intreccio, riuscendo a coinvolgere il pubblico attraverso scenografie e coreografie strabilianti.

E sono proprio la musica, le canzoni e la danza a rendere il Musical uno spettacolo particolarmente coinvolgente.

La Musica

La musica svolge un ruolo centrale ed è colei che crea l’atmosfera emotiva dello spettacolo.

La musica è sempre diversa e può cambiare molto da un musical a un altro. Non esiste, quindi, un solo genere musicale adatto al musical. Piuttosto, sono i vari generi musicali che si adattano al musical.

E infatti è possibile assistere a Musical in cui ci sono ballate dolci e malinconiche, magari derivate dall’opera lirica e dal balletto. E ad altri in cui è il rock, il jazz o la musica leggera a farla da padrona.

Qualsiasi sia il genere musicale adottato, il musical dona ai suoi spettatori melodie memorabili, i cui arrangiamenti accompagnano la narrazione per tutto lo spettacolo!

La musica in questo genere di spettacolo segue la struttura tipica di un musical, composta da tre momenti principali:

  • l’Esposizione, in cui vengono presentati i personaggi principali e la vicenda che li coinvolge;
  • Il Conflitto, in cui la situazione di partenza viene turbata in qualche modo, dando inizio alla storia vera e propria;
  • la Risoluzione, in cui i personaggi principali risolvono il conflitto o comunque quest’ultimo in qualche modo si dipana e si ricrea una situazione senza elementi di turbamento.

La musica segue questo percorso, in modo da creare l’atmosfera emotiva giusta ad ogni momento principale.

Quando il sipario si alza la musica deve essere di grande impatto e trasportare subito gli spettatori nell’ambientazione in cui i personaggi vivono e agiscono. La musica perciò, in questo momento dello spettacolo introduce il tono, lo stile e il tema della storia, nonché i personaggi.

Sul finire del primo atto, quando cioè si crea il conflitto che dà inizio all’avventura dei protagonisti, la musica deve suggerire agli spettatori la tensione del momento, ma deve anche creare l’aspettativa. Il pubblico deve avere la voglia di vedere come andrà a finire.

Il tono della musica dovrà perciò essere lo stesso quando inizia il secondo atto (è la cosiddetta Ripresa del II atto) e continuare nel corso dell’opera suggerendo in qualche modo la soluzione dell’intreccio.

Infine il musical si conclude con un numero musicale di altissimo impatto emozionale, ricalcando comunque lo stile e il tema presenti nel pezzo di apertura.

Le Canzoni

Le canzoni sono il cuore pulsante di questa forma d’arte seducente e hanno il compito di portare avanti la trama, di coinvolgere emotivamente il pubblico.

Ma le canzoni sono anche il mezzo con cui i personaggi svelano se stessi, raccontano le loro aspirazioni e esprimono i loro sentimenti più profondi. O ancora ci raccontano che cosa vogliono fare, che intenzioni hanno. Generalmente queste canzoni vengono eseguite durante l’ “opening number”, cioè quella fase del musical in cui si presentano i personaggi e i loro legami. Si tratta delle cosiddette “I am song” o “I want song”.

Non tutte le canzoni dei musical sono orecchiabili e non di rado possono essere canzoni discorsive che privilegiano il contenuto testuale e hanno un ritmo generalmente serrato. Sono canzoni che concretamente portano avanti la trame e le troviamo soprattutto nei musical a partitura continua, come Evita.

Ma nella grandissima maggioranza dei casi le canzoni dei musical sono pezzi che facilmente entrano nella testa e nel cuore dello spettatore.

Questo capita non solo perché la loro melodia è orecchiabile, ma perché spesso questi pezzi musicali vengono ripresi più volte nel corso dell’opera in una serie di “reprise” che ripropongono una canzone precedente, variando in parte il testo o il ritmo, senza tuttavia stravolgerne il significato. È il caso di “We go together” in Grease.

Chi non l’ha mai canticchiata, almeno una volta?

Ma esistono tanti altri esempi di canzoni provenienti dai musical che si sono così radicate nella cultura popolare, da diventare parte integrante del patrimonio musicale.

È il caso di “Memory” da “Cats” o ancora “Defying Gravity” presente in “Wicked“.

La danza

La danza è nel musical una forma d’arte integrante dello spettacolo, che dona fascino e energia all’intera messinscena.

Come accennato, anche la danza porta avanti la storia, assieme alla recitazione e alle canzoni.

Anche in questo caso, i numeri di danza nel musical spaziano tra i generi più diversi. Possiamo avere musical in cui si assiste a balletti classici ed altri in cui assistiamo a numeri di danza contemporanea, passando per il tip tap e coreografie acrobatiche.

Le coreografie, che spesso sono complesse e impegnano numerose persone, non sono un contorno alla storia, ma narrano la vicenda stessa riuscendo a intrattenere e coinvolgere gli spettatori. Nella maggior parte dei casi questo tipo di coreografie sono presenti nei punti nevralgici di un musical: l’apertura o il finale del primo atto, o ancora il gran finale

È il caso del prologo di “West side story“.

Attraverso la coreografia, i passi di danza e mimica facciale dei ballerini si racconta della rivalità tra le due band criminali, protagoniste della storia.

Altro esempio, è il celebre numero “Cell Block Tango” di “Chicago”.

La scenografia, i costumi e i giochi di luce

Ciò che rende spettacolari i musical sono anche le scenografie, i costumi e i giochi di luce che, assieme alle coreografie e alle canzoni, riescono a coinvolgere il pubblico per tutta la durata dello spettacolo.

Le scenografie sono curate nei minimi dettagli, così come il disegno luci e i costumi.

Questi elementi devono essere loro stessi uno spettacolo immersivo, capace di catapultare lo spettatore nella realtà vissuta dai protagonisti sulla scena.

Foto di scena di The Phantom of Opera
Foto di scena di The Phantom of Opera

Tutto deve contribuire per donare al pubblico un’espereienza sensoriale unica!

È il caso del fantastico “The Lion King” in cui si utilizza spettacolari costumi e marionette per ricreare l’affascinante mondo della savana africana!

I Perfomers

Gli interpreti dei Musical sono artisti a tutto tondo, che devono saper padroneggiare l’arte della recitazione, del canto e della danza. Sono perciò sia attori che cantanti e ballerini.

In una parola, sono dei Performers.

Chi interpreta un musical deve perciò saper recitare, cantare e ballare perché proprio attraverso tutte queste discipline devono dar vita al personaggio che interpretano.

Si sbaglia a credere che per far parte di un musical si debba solo saper cantare e ballare.

Ovviamente, possedere una tecnica vocale è essenziale per affrontare una vasta gamma di stili musicali. Così come è importante essere in grado di eseguire le coreografie.

Ma per comprendere pienamente le intenzioni del personaggio a cui il performer deve dare vita, è assolutamente necessario saper recitare, come spiega il performer Emiliano Geppetti, in questa intervista.


Una forma di spettacolo più eterogenea e coinvolgente del Musical credo che debba ancora essere inventata.

E se negli anni cinquanta, il Musical significava soprattutto storie d’amore a lieto fine, nel corso del tempo il genere si è evoluto, è diventato maturo.

E ha saputo raccontare anche storie tragiche, portando avanti tematiche sociali importanti, in grado di intrattenere il pubblico e, allo stesso tempo, di farlo riflettere sulla realtà che lo circonda.

Se anche tu sei affascinato da questa splendida forma di spettacolo, iscriviti alla newsletter e rimani aggiornato sui nuovi articoli, in cui si parlerà di teatro, cinema e… Musical, ovviamente!

altri articoli interessanti

Chi ha letto questa pagina, ha apprezzato molto i seguenti articoli
Vuoi sapere come si realizza un trucco teatrale? Rubina te lo spiega passo per passo! Cominciamo dall'occhio!
In questo articolo approfondiamo la figura dell'intellettuale Diderot, la cui opera "Il paradosso dell'attore" fa riflettere ancora oggi.
La parola è uno degli strumenti principali di un attore. Per emettere correttamente i suoni, in modo che tutto il pubblico capisca cosa stai dicendo, è fondamentale avere muscoli e
Una locandina fatta bene è importantissima per promuovere un evento. Ecco 5 consigli utili per realizzare locandine migliori per i tuoi spettacoli.

Cerca

Cerca tra tutti gli articoli di Teatro per Tutti, compilando il campo qui sotto.

ARTICOLI A SORPRESA

Ti proponiamo due articoli scelti casualmente dal nostro vasto archivio, per scoprire argomenti che non sapevi di voler conoscere!

ENTRA IN TEATRO PER TUTTI

le arti dello spettacolo, spiegate in modo semplice

Per i nuovi iscritti,
subito un coupon sconto del 5%
sul prossimo acquisto
nell'unico Shop online dedicato agli Artisti dello spettacolo!

Il nostro obiettivo è fare in modo che tu non veda l'ora di ricevere la nostra newsletter, non invadere la tua email di spam. Iscriviti senza pensieri, potrai sempre annullare la tua iscrizione tramite un link che trovi in ogni nostra comunicazione.

ULTIMO GIORNO!!!

PER RICEVERE IL TUO ORDINE
ENTRO NATALE,
ti restano

00
Ore
00
Minuti
00
Secondi

Il nostro obiettivo è che tu non veda l'ora di ricevere la nostra newsletter

Dopo esserti iscritto alla Newsletter di Teatro per Tutti, potrai personalizzare le tue preferenze, indicando su quali argomenti vuoi essere aggiornato.