TEATROPERTUTTI.IT
/
/
Le origini del Musical

Le origini del Musical

Indice dell'articolo

Il Musical è senza dubbio un genere di spettacolo che mi emoziona tantissimo e che riesce a far andare al teatro e al cinema un sacco di persone. Se anche tu ami questo genere di spettacolo, allora continua a leggere, perché in questo articolo andremo alla riscoperta delle origini del Musical.

Le origini del Musical: Teatro, Musica e Canto

Se volessimo buttar giù una sorta di storia del Musical, probabilmente dovremmo andare molto indietro nel tempo, fino all’antica Grecia, periodo in cui la danza e la musica erano parte integrante di tragedie e commedie.

La musica, infatti, da sempre è stata utilizzata per catturare l’attenzione del pubblico, assolvendo anche ad una funzione rituale.

Non deve quindi sorprendere il fatto che, nel corso dei secoli e ben prima dell’avvento del musical, siano sempre esistiti spettacoli in cui il canto, la danza e la musica andavano ad arricchire le messinscene teatrali.

Ad esempio, è capitato in Italia con la Commedia dell’Arte e poi ancora in Francia. Le commedie di Molière contenevano spesso intermezzi musicali danzati.

Il Musical perciò, come gli altri generi teatrali, è il risultato di uno sviluppo continuo del teatro e della musica. Sviluppo che ancora va avanti e che, in futuro, porterà alla luce qualcosa di ancora più nuovo.

Ad ogni modo c’è una data da cui hanno inizio le origini del musical!

L’antenata del Musical: l’Operetta

Parlando delle origini del musical, possiamo identificare quello che è il suo antenato, facendo un salto indietro nel tempo per approdare nella Francia di metà ottocento.

Qui, nel 1856 il compositore Jacques Offenbach scrisse La Rose de Saint-Flour, cioè un genere di spettacolo teatrale e musicale del tutto nuovo: l’Operetta.

L’Operetta era caratterizzata da un intreccio di argomento leggero e sentimentale. L’azione era portata avanti da un mix di prosa, danza e canto che mandava in visibilio gli spettatori borghesi dell’epoca.

Nel 1860 non esisteva un teatro in Francia che non avesse in programma operette. Poco più tardi, anche in Austria l’operetta ebbe un immediato successo, tanto da svilupparsi e diffondersi nel resto d’Europa nel giro di pochi anni.

Sul finire dell’ottocento l’operetta varcò i confini europei per approdare negli Stati Uniti, diventando la forma di intrattenimento prediletta della classe media.

Ma già a paritre dagli anni sessanta dell’ottocento l’operetta iniziò a cambiare e a trasformarsi nel Musical che tanto amiamo.

Le origini: The black crook musical

Per capire ancora meglio le origini del Musical è bene conoscere la stravagante storia della nascita di uno spettacolo particolarmente ambizioso.

A New York una piccola e disorganizzata compagnia d’attori aveva in progetto di portare avanti un grande spettacolo. La realizzazione della messinscena era però ostacolata da ingenti difficoltà economiche, a cui la compagnia non sapeva far fronte.

Il gruppo d’attori stava per gettare la spugna, quando il fato ha voluto che si incontrassero con una compagnia di ballo e canto che proveniva dall’Europa.

Anche questo gruppo d’artisti non se la stava passando benissimo. Avrebbero dovuto esibirsi alla New York Academy of Music, ma rimasero senza lavoro perché pochi giorni prima della loro esibizione l’edificio andò a fuoco.

Le due compagnie decisero quindi di fondere i loro spettacoli, risolvendo così i loro problemi.

Da questa provvidenziale collaborazione nacque uno spettacolo: The black crook musical che debuttò il 12 settembre 1866 al Niblo’s Garden di Broadway.

Fu un grande successo e lo spettacolo fu replicato tantissime volte.

“The black crook” era uno spettacolo mai visto prima, che affascinò gli spettatori di tutti gli States per il gran numero di attori, ballerini e cantanti che, tutti insieme, si esibivano sul palcoscenico.

The Black Crook Musical
Le origini del Musical si possono identificare con The Black Crook Musical, un ambizioso spettacolo musicale

The black crook musical: non un vero e proprio musical

Era nato il Musical… anche se The black crook musical non era un vero e proprio musical!

La sua struttura era, infatti, molto diversa da quella che caratterizza il musical che tutti conosciamo!

L’intreccio della trama era portato avanti solo dalle parti recitate.

I balli e i canti erano soprattutto una sorta di intermezzi musicali, che facevano da contorno alla trama. Inoltre, a cantare e a ballare erano altri artisti e non gli attori e le attrici della messinscena, come avviene con i musical di oggi.

Il primo vero Musical della storia: “Show Boat”

Anche se tradizionalmente è con il debutto di The black crook musical che si f risalire le origini del musical, per avere il primo vero Musical della storia bisogna attendere il debutto nel 1927 di “Show Boat“.

Show Boat” si ispira al romanzo della scrittrice e drammaturga Edna Ferber e racconta la storia di un gruppo di persone che lavora in uno showboat (un battello usato come un teatro galleggiante).

La trama si dipana in un periodo lungo quasi cinquanta anni e porta avanti tematiche sociali importanti, come il razzismo e il gioco d’azzardo, tramite il pretesto di una tragica storia d’amore.

Il Musical è stato composto dal compositore Jerome Kern, sul libretto e liriche di Oscar Hammerstein II.

Kern, fino ad allora, era un rinomato compositore, noto per i suoi divertenti spettacoi musicali.

Ma, letto il romanzo di Edna Ferber, rimase talmente colpito che decise assieme al suo collega Hammerstein di trarne uno spettacolo musicale.

I due riuscirono quindi a ottenere il permesso dall’autrice per la realizzazione della messinscena e poi presentarono il progetto all’impresario teatrale Florenz Ziegfeld.

Quest’ultimo rimase folgorato dalla bellezza dei testi delle canzoni e decise di produrre lo spettacolo.

Ziegfedl era convinto che Show Boat sarebbe stata la miglior commedia musicale da lui prodotta, definendola “l‘opportunità della mia vita“.

Le peculiarità di “Show Boat”

“Show Boat” possedeva due caratteristiche che lo imposero come un genere di spettacolo completamente nuovo agli occhi del pubblico.

Innanzitutto, pur utilizzando l’alternarsi di prosa e canto, tipico degli spettacoli musicali leggeri, “Show Boat” era un vero e proprio dramma. Una peculiarità che lo rese uno spettacolo unico nel suo genere.

Ma ciò che rende “Show Boat” un Musical come lo intendiamo noi oggi, è il fatto che le parti cantate portano avanti l’intreccio, assieme alle parti recitate.

E infine sono gli stessi attori a cantare e a ballare, ad essere cioè i tipici perfomer dei musical che oggi calcano i palcoscenici di tutto il mondo! Come ad esempio Emiliano Geppetti, che abbiamo intervistato per avere uno sguardo da dentro del mondo del Musical.

Le origini del musical si hanno con la prima messinscena di “Showboat”, il primo vero musical della storia!

Il successo del Musical

Il Musical è un genere di spettacolo teatrale che ancora oggi ha un grandissimo successo.

E ciò che lo rende unico, è che ha saputo adattarsi all’avvento del cinema, con il suo evolversi in Musical Cinematografico. Un’evoluzione che, però, non ha danneggiato la sua controparte teatrale.

È la natura stessa del Musical che, molto probabilmente, riesce a rimanere al passo coi tempi.

Fin dai suoi albori si è sempre rivolto alla masse, con l’obiettivo di intrattenere gli spettatori, anche quando le tematiche portate avanti sono serie e sociali.

La musica, il canto e la danza rendevano il musical un tipo di spettacolo fruibile anche dai tanti immigrati che andavano a teatro.

E ancora oggi, il Musical mantiene intatte queste caratteristiche, rimanendo un genere di spettacolo che affascina grandi e piccini in ogni latitudine!

altri articoli interessanti
Chi ha letto questa pagina, ha apprezzato molto i seguenti articoli
L'epoca del cinema muto e dei primi film è ricca di idee e sperimentazioni, che hanno gettato le basi del linguaggio cinematografico attuale.
"Il metodo Kominsky", su Netflix è una serie TV che tutti gli aspiranti attori dovrebbero vedere. Ecco la nostra recensione.
La parola è uno degli strumenti principali di un attore. Per emettere correttamente i suoni, in modo che tutto il pubblico capisca cosa stai dicendo, è fondamentale avere muscoli e
Una locandina fatta bene è importantissima per promuovere un evento. Ecco 5 consigli utili per realizzare locandine migliori per i tuoi spettacoli.
Cerca
Cerca tra tutti gli articoli di Teatro per Tutti, compilando il campo qui sotto.
ARTICOLI A SORPRESA
Ti proponiamo due articoli scelti casualmente dal nostro vasto archivio, per scoprire argomenti che non sapevi di voler conoscere!