TEATROPERTUTTI.IT
/
/
Elio Germano, un intenso attore italiano

Elio Germano, un intenso attore italiano

Indice dell'articolo

In questo articolo conosceremo la carriera e i film del grande Elio Germano. È uno degli attori italiani più importanti del nostro panorama cinematografico. Pieno di talento, molti critici e esperti cinematografici lo accostano per la sua versatilità al grande Robert De Niro!

Gli inizi

Elio Germano nasce il 25 settembre 1980 a Roma. La sua famiglia, composta da papà architetto e mamma impiegata, è originaria di Duronia in provincia di Campobasso.

Fin da bambino ha dimostrato la sua passione e il suo invidiabile talento per la recitazione, partecipando con gioia alle recite estive allestite dai villaggi turistici, dove solitamente passava le vacanze assieme ai genitori.

Non ancora tredicenne, partecipa al suo primissimo film Ci hai rotto papà! di Castellano e Pipolo. La voglia di recitare è tanta, così nel corso dell’adolescenza entra a far parte di alcune compagnie teatrali no profit. Decide poi di affinare il suo talento con un corso annuale presso il Teatro Azione, scuola di recitazione diretta da Isabella Del Bianco e Cristiano Censi.

Elio Germano
film
Un giovanissimo Elio Germano

SI cimenta quindi in svariati spettacoli teatrali, che gli permettono di affinare ancora di più la sua naturale predisposizione all’immedesimazione nei personaggi. Poi, nel 1999, durante una tournée teatrale con Giancarlo Cobelli, Elio Germano decide di partecipare al film che gli aprirà le porte del cinema: Il cielo in una stanza, di Carlo Vanzina.

Elio Germano, i film della notorietà

Negli anni successivi, conduce una carriera divisa tra film, tv e teatro, trovando anche il tempo di coltivare una sua altra passione, la scrittura.

Partecipa a serie tv amate dal pubblico, come Un medico in famiglia, e a film di importanti registi, come ad esempio Concorrenza Sleale di Ettore Scola o ancora Che ne sarà di noi di Giovanni Veronesi, per il quale riceve addirittura la sua prima nomination ai David di Donatello. Seguiranno partecipazioni a film di altri importanti registi, come Quo vadis, Baby? di Gabriele Salvatores, Romanzo Criminale di Michele Placido e N – Io e Napoleone di Paolo Virzì.

La sua versatilità e il suo talento sono sotto gli occhi di tutti gli addetti ai lavori ed infatti registi e produzioni se lo contendono, ma ancora non riesce a far breccia nel grande pubblico. La notorietà, ad ogni modo, non tarderà ad arrivare.

Elio Germano
Film "MIo fratello è figlio unico"
L’attore in una scena del film Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti

Il 2007 è infatti il suo anno. Due sono le pellicole che lo hanno fatto conoscere agli italiani: Nessuna qualità agli eroi di Paolo Franchi e Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti.

Nel primo film, Elio Germano parteciperà ad una controversa scena di nudo integrale, a causa della quale l’accoglienza della pellicola al festival di Venezia del 2007 sarà contrastante. Con Mio fratello è figlio unico, la sua intensità recitativa abbaglierà il grande pubblico. L’ interpretazione del fratellino fascista di Scamarcio gli varrà, non a caso, il David come Miglior Attore Protagonista.

Altri film di successo

Da quel momento in poi il volto e il nome di Elio Germano diventano noti al grande pubblico e la sua carriera sarà un’ascesa inarrestabile.

Grazie alla facilità con cui passa da ruoli drammatici a brillanti, partecipa a tantissimi film diversi. Si farà notare in commedie come Tutta la vita davanti e Il mattino ha l’oro in bocca, ma anche in film drammatici come La fine è il mio inizio del tedesco Jo Baier o ancora l’importante film denuncia sui fatti del G8 di Genova: Diaz – Don’t clean up this blood, di Daniele Vicari.

La facilità di immedesimazione con cui affronta i ruoli, lo rendono l’attore perfetto per alcuni film biografici, come ad esempio Il giovane favoloso di Mario Martone del 2014, in cui interpreta il grande poeta Giacomo Leopardi. Per immergersi completamente nel ruolo dello scrittore italiano, Elio Germano ha studiato a fondo le opere del poeta e la sua vita, regalandoci un’interpretazione sincera e autentica.

Elio Germano
film "Il giovane favoloso"
L’attore in una scena del film Il giovane favoloso di Mario Martone

Riesce poi a bissare il successo in un altro film biografico, Volevo nascondermi di Giorgio Diritti in cui veste i panni del pittore Antonio Ligabue. La sua interpretazione piace tanto, non solo al pubblico ma anche alla critica e riesce ad aggiudicarsi un altro David di Donatello, nonché il premio come miglior attore protagonista alla settantesima Berlinale.

Tra le ultime fatiche di Germano, vale la pena nominare il film di Michele Riondino, Palazzina Laf. Un film di forte impegno civile, sull’Ilva di Taranto e che denuncia le condizioni dei lavoratori.

Elio Germano è un attore straordinario che ogni volta ci regala intense interpretazioni e che rimarrà a lungo un punto di riferimento nel panorama cinematografico italiano.

altri articoli interessanti
Chi ha letto questa pagina, ha apprezzato molto i seguenti articoli
Non avere notizie certe sull'autore più famoso di tutti i tempi ha dato vita ha numerose teorie: chi era davvero il William Shakespeare di Romeo e Giulietta?
YouTube può fornire a un attore una platea enorme di potenziali spettatori, a condizione di fare le cose come si deve. Ecco alcuni consigli per iniziare!
La parola è uno degli strumenti principali di un attore. Per emettere correttamente i suoni, in modo che tutto il pubblico capisca cosa stai dicendo, è fondamentale avere muscoli e
Una locandina fatta bene è importantissima per promuovere un evento. Ecco 5 consigli utili per realizzare locandine migliori per i tuoi spettacoli.
Cerca
Cerca tra tutti gli articoli di Teatro per Tutti, compilando il campo qui sotto.
ARTICOLI A SORPRESA
Ti proponiamo due articoli scelti casualmente dal nostro vasto archivio, per scoprire argomenti che non sapevi di voler conoscere!